La febbre delle macchinette, 11 miliardi di caffé e merendine

16FATTO

fonte : http://www.corriere.it/economia/17_ottobre_25/febbre-macchinette-11-miliardi-caffe-merendine-c5f310a2-b95f-11e7-886b-130d05763311.shtml

 

Il fatturato del «vending» in Italia nel 2016 è cresciuto del 2,13% sfiorando i 3,5 miliardi di euro. Caffé il più venduto (2,7 miliardi). Il boom di ginseng, succhi e frutta

Camera Café — lo sketch di Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu tutto girato davanti alla macchinetta automatica dell’ufficio — ha un valore economico molto alto. Perché il canale distributivo apparentemente «minore» della distribuzione automatica coinvolge le abitudini consumo di milioni di cittadini. Le «macchinette» — dell’ufficio, delle stazioni, delle scuole e di tanti punti vendita cittadini — hanno raggiunto il ragguardevole fatturato di 3,5 miliardi nel 2016 con una crescita del 2,13% rispetto all’anno precedente. E le consumazioni sfiorano un totale di 11 miliardi. A certificarlo è il nuovo studio realizzato da Accenture per Confida, l’unica associazione che rappresenta l’intera filiera della distribuzione automatica in Italia. I consumi dai distributori automatici sono cresciuti del +0,48% mentre il mercato del cosiddetto «porzionato»
(le macchine a capsule e cialde per casa e uffici) è aumentato del 4,3%.

Caffé, il più amato

Il caffè è il prodotto più venduto: sono 2,7 miliardi le consumazioni (+1,67% rispetto al 2015) ai distributori automatici, il 55,5% dei consumi totali in questo canale. Ammontano, invece, a 5,8 miliardi le capsule e cialde vendute nel 2016. Se ne ricava che un italiano su due, oggi, sceglie il caffè «self service».

Il boom di ginseng e frutta

Tra le bevande calde, oltre al caffè, spicca la crescita del ginseng (che cresce del +15,3%). Tra gli snack più diffusi, si rafforza il consumo di quelli a base di cioccolato (+1,47%) e dei biscotti (+5,76%). Ma il balzo in avanti più significativo è quello fatto registrare dalla frutta fresca (+55%) e secca (+50%). La flessione invece nel consumo di bevande fredde (-2,64%) è stata condizionata anche dalla stagionalità decisamente meno calda rispetto a quella del 2015. In questo contesto l’acqua ha contenuto le perdite (-1,23%) rispetto alle altre bevande fredde, specialmente quelle gasate che hanno subito una contrazione del 7,68%. Da notare il trend in controtendenza di nettari e succhi 100% (+4,03%) e degli Energy drink, nicchia di mercato da 1,5 milioni di consumazioni che è aumentata dell’1,20%.

I luoghi del consumo

Ben il 36% delle consumazioni del vending avvengono all’interno di industrie e grandi aziende. Nel comparto del lavoro privato si concentra il 17% dei consumi, mentre quello commerciale si attesta al 13%. Gli spazi deputati all’istruzione (scuole e università) e alla sanità valgono ciascuno l’11%. Le erogazioni dei distributori collocati nei luoghi pubblici (sale giochi, centri commerciali, biblioteche, associazioni e circoli, oratori…) invece, valgono il 6% dei consumi complessivi. In coda luoghi di svago e di passaggio (aeroporti, stazioni, metropolitane…) con il 3% a testa. Sono 805.431 le macchine installate in Italia, seguita dalla Francia (590 mila), Germania (555 mila) e Inghilterra (417 mila). Il nostro Paese, non a caso, è il principale produttore europeo di distributori automatici, un segmento del mercato della meccanica italiana esportato in tutta Europa e anche a livello mondiale. Il mercato delle vending machine vale circa 300 milioni di euro (escluso il mercato delle macchine da caffè per hotel, bar e ristoranti, un altro mercato in cui l’Italia è leader) di cui il 70% è esportato all’estero. «La distribuzione automatica — spiega Piero Angelo Lazzari, presidente di Confida – è un settore economico dinamico ed apprezzato, in particolare in Italia. Il nostro Paese detiene il primato europeo di vending machine installate (oltre 800 mila), che offrono ristoro in uffici, scuole e università, ospedali e luoghi di transito. Dietro a queste macchine c’è una filiera dinamica e socialmente rilevante composta da circa 3.000 imprese di gestione, di cui l’80% sono piccole e medie imprese, che in questi anni hanno fatto molti sforzi per migliorare e ampliare l’offerta alimentare per renderla più vicina ai gusti e alle esigenze nutrizionali dei consumatori».

Un «vending» ad alta tecnologia

«Le vending machines — precisa il presidente di Confida — negli ultimi anni si sono evolute tecnologicamente, integrando funzioni ‘intelligenti’ tramite schermi touch, sistemi di telemetria, pagamento mobile. In questo modo permettono una semplice ed efficace interazione uomo/macchina e quindi oggi rappresentano, come messo in evidenza anche dal Politecnico di Milano, una delle migliori applicazioni dell’Internet of Things in Italia». Le smart vending machine secondo i dati dell’Osservatorio Iot (internet of things) del Politecnico di Milano sono già 80.000, circa il 10% dei distributori automatici. «I produttori italiani dei distributori automatici – conclude Lazzari – sono leader a livello mondiale e rappresentano un esempio pratico di eccellenza della tecnologia italiana da esportazione. Le tecnologie del vending hanno tutte le caratteristiche di innovazione che vengono comunemente racchiuse nel concetto di Industria/Impresa 4.0, e auspichiamo che possano usufruire anche delle agevolazioni riservate al settore.